Vescovo Marino

Diocesi. “Carissimi amici della Chiesa di Dio che è in Savona, in questi giorni così difficili Vi chiedo di pregare per la pace, accogliendo la parola di Gesù: ‘Questa specie di demoni non si può scacciare in alcun modo se non con la preghiera’ (Mc 9,29)”. Così il vescovo Calogero Marino in una lettera alla Diocesi di Savona-Noli in merito all’attuale crisi in Ucraina.

“Preghiera e digiuno sono le uniche armi che i credenti possono utilizzare per combattere il demone della guerra! – aggiunge – Come penso già sappiate, papa Francesco propone a tutti, credenti e non credenti, di vivere il 2 marzo, mercoledì delle Ceneri, come giornata di preghiera e digiuno per la pace in Ucraina: Vi chiedo di accogliere questo invito come singoli e come comunità”.

Sono anche già stati pensati due momenti di preghiera: martedì 1° marzo nella Chiesa Sant’Andrea Apostolo a Savona e giovedì 3 marzo nella Basilica San Giovanni Battista a Finalmarina, entrambi alle ore 20:30. “Alla preghiera vogliamo aggiungere la nostra vicinanza operosa alla comunità ucraina, presente e ben inserita nel tessuto savonese – scrive ancora il vescovo – Ciascuno di noi può far qualcosa: un sorriso, uno sguardo, un abbraccio alle donne e agli uomini dell’Ucraina, che magari vivono nel caseggiato o nel quartiere”.

“Vedremo nei prossimi giorni se si renderanno necessari ulteriori gesti di accoglienza e ospitalità – conclude monsignor Marino – Vi benedico di cuore e Vi auguro un buon cammino nella Quaresima ormai prossima”.

La Lettera del Vescovo per Le Ceneri del 2022