Con Maria, per custodire l’essenziale.

E’ un’omelia difficile, particolare, quella di oggi, e forse anche più breve, per dare spazio al silenzio: ci chiede di ascoltare quanto il Signore ci sta dicendo, nei giorni del virus.

E ci chiede, innanzi tutto, di riconoscere il tratto che, in modo molto chiaro, consimila i nostri giorni a quelli delle apparizioni di Maria: giorni difficili, questi e quelli, giorni di smarrimento, abitati da un desiderio, forse nascosto ma molto vero, di essere misericordiati. Ed ecco la parola di Maria: “Misericordia, Figlio, voglio e non giustizia”.

Celebro questa Eucaristia per tutti coloro che vivono nella nostra  Diocesi di Savona, e anche per i savonesi lontani da casa, per ragioni di lavoro o anche perché in missione (penso a Suor Daniela, ma non solo). Celebro in particolare per tutti i malati, per i medici e il personale paramedico, e per tutte le persone che con il loro lavoro garantiscono il funzionamento degli ospedali e della società. Ricordiamo anche coloro che ci governano, perché siano sostenuti nelle scelte da compiere dalla luce e dalla forza di Dio.

  1. Stiamo facendo l’esperienza del vuoto. Una Quaresima come mai avremmo immaginato: senza Messe, senza riunioni, senza catechismo; un 18 marzo senza processione. Ci credevamo forti, noi uomini dell’Occidente moderno e avanzato, e ci siamo riscoperti fragili e vulnerabili. Pensavamo di essere individui liberi e autosufficienti, e ci siamo ritrovati bisognosi di abbracci, e di reinventare equilibri e relazioni…

L’esperienza del vuoto, e anche della mancanza. Di un dolore che, forse, può però diventare un dono, e l’occasione di una ripartenza. Perchè al di là delle folli pretese di controllare tutto e di immunizzarsi da ogni contagio, “l’uomo contemporaneo si sente ancora attraversato da una mancanza. Da una essenziale inquietudine che è anche una apertura, che non lo abbandona e lo rimette in movimento” (Magatti). Con le parole di Sant’Agostino: “il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”; o con i versi di Mario Luzi: “di ch’è mancanza/cuore/questa mancanza/che ad un tratto ne sei pieno?”.

  1. Ci viene incontro la parola di Paolo, che abbiamo appena ascoltato (cfr. Rom 8,28-30): “tutto concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno”. E continua, come in una litania: chiamati, da sempre conosciuti, predestinati, chiamati (é la seconda volta!), giustificati, glorificati…E’ implicitamente descritto il volto di Maria, il suo mistero. E’ la Tutta Pura, predestinata ad essere conforme all’immagine del Figlio, è la Madre di Misericordia…

Ma è anche il nostro volto. “In ogni uomo Maria”, secondo il titolo di un vecchio libro. Perchè anche noi siamo da sempre conosciuti e molto amati.

E allora anche questo tempo difficile potrà diventare una grazia, se sapremo affidarci, come Maria: “ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola” (Lc 1,37). Una grazia e anche una piccola, anche se dolorosa, gioia: perché non c’è tempo (anche il tempo del virus!) in cui ci sia impedito di vivere la grazia e la gioia del vangelo!  Anche nei giorni di prova, Dio non smette di promettere: “aprirò nel deserto sentieri, darò acqua nell’aridità”. 

E’ solo un’eresia moderna quella che pone in contraddizione il dolore e la gioia. Nel dolore, la gioia; nella Croce, la gloria: è la lezione di Pasqua, verso la quale stiamo camminando.

Del resto, credo che le nostre paure e il nostro disagio siano il segno di qualcosa d’importante: la voglia di vivere. E forse ci sarà dato di scoprire che proprio la paura di essere contagiati viene dalla voglia di vivere. E potremo imparare a vivere, senza accontentarci di vivacchiare, come ripeteva Pier Giorgio Frassati!

La speranza,  sulla quale ci siamo fermati quest’anno a meditare  più volte con i preti e anche in alcuni incontri pubblici a Savona, si gioca proprio in questo intreccio, tra la paura di morire e la voglia di vivere. Ci è chiesto di reggere la fatica di questo intreccio, senza scegliere la via più facile, che non porta da nessuna parte. Ed è nell’esperienza della preghiera, in particolare, che ci è data la grazia di reggere questa fatica. Penso a Maria, al suo andare dimorando da Nazaret ad Ain-Karim, custodendo in cuore le parole dell’angelo; penso a Gesù, che vive il suo dramma al Getsemani e poi, “rialzatosi dalla preghiera”, andò dai discepoli e disse loro: “Alzatevi e pregate per non entrare in tentazione” (cfr. Lc 22,45-46). E mi torna in mente quella parola letta da ragazzo nell’autobiografia di Gandhi, che riemerge dai giorni della preghiera e del digiuno “saldo come l’Himalaya”.

A Maria, chiediamo, in questi giorni difficili, la grazia di ritrovare il filo della preghiera. Ma che sia una preghiera umana, abitata dal silenzio, e non piena di troppe cose e di troppe parole…Una preghiera capace di abitare il profondo e il deserto, in questo tempo strano.

  1. Quest’anno la nostra Festa conosce una singolarissima, e certo non voluta!, concentrazione intorno all’essenziale: l’Eucaristia, dove “è racchiuso tutto il bene spirituale della Chiesa, cioè lo stesso Cristo, nostra Pasqua e Pane vivo” (PO  5), celebrata dal Vescovo in solitudine, nella cripta del nostro Santuario. 

Allora questo tempo difficile ci aiuterà a ritrovare il filo di ciò che è essenziale e davvero conta. La nostra vita personale e anche ecclesiale è spesso dispersa fra mille cose e mille impegni, ma forse oggi ci è data la grazia,  che la Madre di Misericordia ha vissuto in ogni ora della sua vita, di riscoprire la parola di Gesù: “di una cosa sola c’è bisogno” (Lc 10,42), e cioè di vivere l’amicizia con Lui. E di comprendere di nuovo che per essere Chiesa non servono tante cose, ma che il vangelo, la fraternità e l’amicizia con i poveri bastano e avanzano…

Le molte cose necessarie non devono farci smarrire le poche essenziali: è la grazia che vorrei oggi chiedere a Maria, per me e per voi.

Concludo allora facendo mio l’atto di affidamento a Maria pronunciato dal Papa lo scorso 11 marzo.

O Maria,

tu risplendi sempre nel nostro cammino

come segno di salvezza e di speranza.

Noi ci affidiamo a Te, Salute dei malati,

che presso la Croce sei stata associata al dolore di Gesù,

mantenendo ferma la tua fede.

Tu, Madre di Misericordia, 

sai di che cosa abbiamo bisogno

e siamo certi che provvederai

perché, come a Cana di Galilea,

possa tornare la gioia e la festa

dopo questo momento di prova.

Aiutaci a conformarci al volere del Padre

e a fare ciò che ci dirà Gesù,

che ha preso su di sé le nostre sofferenze

e si è caricato dei nostri dolori

per condurci, attraverso la Croce,

alla gioia della Resurrezione

Amen.