In questa settimana la Chiesa rende omaggio a Nostra Signora del Monte Carmelo (o del Carmine, dai corrispondenti in catalano “Verge del Carme” e in spagnolo “Virgen del Carmen”), uno dei titoli sotto cui viene invocata Maria, madre di Gesù, “sorella” e patrona dei religiosi carmelitani.

A Savona nella Chiesa parrocchiale San Pietro Apostolo, in via Untoria, retta dall’Ordine dei Carmelitani Scalzi, fino a giovedì 14 luglio alle ore 21 prosegue la novena in preparazione alla solennità. Venerdì 15 luglio alle 17:30 si reciteranno i Primi Vespri solenni e alle 18 si celebrerà la messa prefestiva. Sabato 16 luglio, giorno della festa, alle 8:15 ci saranno l’Ufficio delle Letture e le lodi, alle 9 la liturgia eucaristica, alle 17:30 i vespri solenni, alle 18 e alle 20:30 ancora la messa, quest’ultima solenne e seguita dalla processione con la statua mariana per le strade limitrofe e dalla benedizione. Nel Monastero Santa Teresa, in via Firenze, il 15 luglio alle 8 il vescovo Calogero Marino presiederà la messa.

A Varazze nell’Eremo del Deserto il 16 luglio alle ore 11 i Carmelitani Scalzi officeranno la messa. Nella frazione Alpicella il 14, 15 e 16 luglio è in programma il triduo, domenica 17 luglio al mattino alle 9 e alle 10:30 la messa, nel pomeriggio i vespri e alle 18:30 la processione con la benedizione. A Luceto, frazione di Albisola Superiore, nella Chiesa San Matteo Apostolo il 14, 15 e 16 luglio alle ore 20:30 avrà luogo la celebrazione eucaristica (quella di sabato sarà solenne). A Finalborgo nella Chiesa San Biagio il 17 luglio alle ore 10:30 si terrà la messa.

“Maria è la figura del vero discepolo e del vero apostolo – dice padre Enrico Redaelli, priore del convento del centro storico savonese – Ella accoglie il Figlio di Dio nella propria vita, ne ascolta e mette in pratica le parole e lo porta ‘gratuitamente’ sulle strade del mondo, quelle strade che, come quella da Gerusalemme a Gerico, sono spesso pericolose e piene di ‘briganti'”.